blog

Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Federica Sala
Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Il territorio delle Marche è costellato di borghi storici e piccoli Comuni, ricchi di identità e tradizioni

Nell’ottica di valorizzarli e permettere ai Comuni di attivare dei progetti di riqualificazione urbanistica e di rilancio dei borghi sia in chiave residenziale che in chiave turistica, Regione Marche ha promosso un nuovo bando, con dotazione finanziaria di 24 milioni.


Chi sono i beneficiari del bando Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Il bando RIGENERAZIONE DEI BORGHI si rivolge ai Comuni i cui borghi sono iscritti
all’Elenco dei borghi storici della Regione Marche di cui all’art.3 della LR 29/2021 o che abbiano inoltrato richiesta di iscrizione al suddetto elenco entro la data di presentazione dell’istanza al bando, fatto salvo il buon esito della richiesta.
Il progetto può essere presentato in forma singola o aggregata. Le aggregazioni di Comuni possono riguardare Comuni limitrofi o Comuni che condividono medesimi tematismi.
Nel caso di aggregazioni di più Comuni fino ad un massimo di tre (nel limite di tre borghi storici complessivi), in ogni Comune dovrà essere presente un borgo storico iscritto all’elenco di cui all’art. 3 LR 29/2021.
Nel caso di Comuni in forma aggregata, la candidatura deve essere presentata dal Comune che assume il ruolo di proponente e capofila.

Cosa finanzia il bando Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Il bando RIGENERAZIONE DEI BORGHI finanzia interventi destinati ad opere pubbliche volte al riuso, al recupero, valorizzazione e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente nel perimetro del Borgo Storico individuato in occasione dell’iscrizione all’elenco dei borghi storici delle Marche di cui all’art. 3 della L.R. 29/2021, con particolare attenzione a:


  • interventi infrastrutturali dedicati a sostenere la creazione e lo sviluppo di nuovi itinerari e punti di interesse turistico, che valorizzino l’identità territoriale e la vitalità culturale dei borghi;
  • interventi innovativi di promozione e sviluppo del turismo locale del settore primario e delle attività artigianali tradizionali;
  • interventi innovativi per potenziare forme di mobilità sostenibile per incrementare l’offerta turistica;
  • opere di sistemazione esterne (marciapiedi, parcheggi, pavimentazioni);
  • recupero di manufatti ad uso collettivo (fontane, lavatoi, terrazze-belvedere), rifacimento o realizzazione di spazi verdi e arredo urbano;
  • ristrutturazione, ampliamento, trasformazione di immobili pubblici da adibire/adibite ad attività imprenditoriali/commerciali e di servizi turistici;
  • rigenerazione del patrimonio storico-architettonico;
  • sistemi informativi e piattaforme informatiche;

Gli interventi ammissibili frutto di una forte collaborazione pubblico-privato, sono destinati a sostenere un progetto di sviluppo locale favorendo la sinergia tra Comuni, enti, associazioni, imprese, cittadini, favorendo, in attuazione del principio di sussidiarietà, lo sviluppo delle attività economico-turistiche che sposano un progetto integrato e coerente con le strategie economiche locali, volte principalmente a potenziare e qualificare l’offerta turistica, migliorare l’accessibilità ai borghi storici, sviluppare le nuove tecnologie per rendere gli operatori del settore turistico più competitivi.


In questa logica, si darà peso a quei progetti in grado di coinvolgere in modo diretto ed esplicito, nel rispetto dei principi di non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e di pubblicità, soggetti privati e in particolare attraverso i seguenti interventi attivati tramite procedure di evidenza pubblica e/o accordi di partenariato:

  • gli investimenti strutturali e digitali come il miglioramento dell’accessibilità anche informativa (tecnologie dell’informazione/piattaforma digitale/marketing digitale integrato)
  • la riqualificazione di immobili a fini turistici, le attività di promozione turistica;
  • la realizzazione e potenziamento di servizi e infrastrutture turistiche;
  • le attività e investimenti strutturali, la riqualificazione e valorizzazione di servizi e infrastrutture turistiche;
  • l’avvio di interventi di micro investimenti pubblici/privati orientati all’attività economica;
  • Spesa corrente quando direttamente riconducibile al progetto (nel limite del 30% totale)
  • spese di beni e servizi e spese di personale nel limite strettamente riconducibili al progetto nel limite del 20%;
  • attività di promo-commercializzazione correlate al progetto presentato.

Il progetto dovrà prevedere sia interventi con beneficiario finale pubblico e finalità pubblica (cui sarà destinato al massimo di 1/3 del contributo assegnato) sia misure a beneficio delle attività economiche del borgo (beneficiari privati).

Quanto finanzia il bando Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Il bando RIGENERAZIONE DEI BORGHI mette a disposizione una dotazione finanziaria pari a € 24 milioni, di cui € 7.500.000,00 sono risorse riservate a interventi di investimento pubblici (entro il limite di 1/3 del contributo per progetto); € 2.000.000,00, sono risorse regionali per sostenere l’avvio dei progetti di sviluppo economico attivati con le imprese e i privati coinvolti;€ 14 ME sono le ulteriori risorse destinate a misure di sviluppo economico tramite privati e imprese, che verranno attivate a seguito dell’assegnazione alla Regione delle risorse statali del Fondo di rotazione come da accordo Stato-Regione approvato con DGR n.2004/2023.

E’ prevista la concessione di un contributo nel limite massimo di € 500.000,00 a progetto per i progetti presentati da un Comune in forma singola o nel limite di € 1.000.000,00 per il progetto presentato da una rete di Comuni tramite il Comune capofila (a beneficio di massimo tre Comuni, in riferimento a massimo 3 borghi).
E’ necessario che il progetto preveda almeno il 10% di cofinanziamento rispetto al contributo concesso.

Quando scade il bando Marche: 24 milioni ai Comuni per la rigenerazione dei borghi

Il bando RIGENERAZIONE DEI BORGHI scade in data 20 settembre 2024. 

Ti interessa il bando?

Progetta, investi e realizza con FAST Zero
Se hai un’idea o progetto da realizzare e sei alla ricerca di un contributo a fondo perduto, compila subito il form. Sarai contattato da un nostro specialista per avere una consulenza gratuita.
Skype
Meet
zoom
Teams
Sala
Chiedi una consulenza

Raccontaci la tua idea. Compila il form valutiamo gratuitamente la tua richiesta. Per qualsiasi dubbio, siamo sempre a tua disposizione.

Chiedi una consulenza gratuita
Registrati

Una volta registrato entri a far parte della community di FAST Zero e potrai accedere direttamente dalla tua dashboard ad un set esclusivo di servizi, in modo facile e veloce.

Registrati subito

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Overtourism, quando il turismo diventa un problema

Overtourism, quando il turismo diventa un problema

di Valeria Chiodarelli

La valorizzazione in chiave turistica dei territori è un tema che, con molta frequenza, ritorna nei progetti di sviluppo locale: il settore turistico viene spesso visto come un’opportunità per ...

Leggi
Il programma LIFE per progetti di economia circolare

Il programma LIFE per progetti di economia circolare

di Valeria Chiodarelli

Un'opportunità rilevante, per chi è interessato a dare attuazione a progetti di sostenibilità ed economia circolare, è rappresentata dal programma europeo LIFE. Questo programma, lanciato nel 1992 ...

Leggi
Programmazione strategica all’interno dei Comuni: un fattore chiave per lo sviluppo

Trasforma il tuo futuro!

Entra nella community per rimanere sempre aggiornato e realizzare i tuoi progetti innovativi e sostenibili

Iscriviti alla nostra newsletter

Success! Your message has been sent to us.
Error! There was an error sending your message.