blog

Nuovi Distretti del Commercio in Veneto

Federica Sala
Nuovi Distretti del Commercio in Veneto

I Distretti del Commercio in Regione Veneto, al 23 novembre 2022 sono 117: di questi 82 sono Distretti formati da un solo Comune, mentre 35 vedono la partecipazione di più Comuni tra loro aggregati. 

I Distretti del Commercio in Veneto sono disciplinati dalla DGR 1531 del 25 settembre 2017, che al suo interno delinea modalità e criteri per la loro costituzione. 

Di cosa si tratta 

Come già illustrato all’interno della nostra GUIDA gratuita, i Distretti del Commercio sono stati istituiti per sostenere lo sviluppo economico e territoriale delle aree che li attivano. Nascono infatti come politica attiva che mette in campo diverse azioni di valorizzazione:

1) Rigenerazione urbana e politiche per la sostenibilità territoriale

2) Marketing territoriale e promozione 

3) Attivazione e/o innovazione di servizi rivolti all’utenza e volti a migliorare la “shopping experience” delle diverse categorie di utenza coinvolte

4) Recupero dei locali sfitti

5) Valorizzazione delle potenzialità territoriali

6) Formazione

7) … e molto altro!

Si tratta di strumenti che facilitano la concertazione e la progettazione partecipata tra diversi attori territoriali. 

Come creare nuovi Distretti del Commercio

Regione Veneto accoglie entro aprile di ogni anno proposte per la nascita di nuovi Distretti, attraverso una procedura che prevede la stesura di documenti strategici che mettano in evidenza diversi aspetti: caratteristiche del tessuto urbanistico ed imprenditoriale locale, analisi dei bisogni delle imprese e dell’utenza locale, peculiarità dell’area e suo potenziale di crescita, strategie che si vogliono mettere in campo per facilitare lo sviluppo commerciale, interventi e modello di governance urbana che si intende applicare. 

Accanto a questo, anche la presenza di un Accordo di Partenariato che metta in rete diversi attori: Comune/i, almeno 2 Associazioni rappresentative del settore commerciale, Imprese e altri soggetti non obbligatori ma ritenuti premianti per la corretta realizzazione degli obiettivi che si pone il Distretto. 

I vantaggi del Distretto

Sono diversi i vantaggi derivanti dalla creazione di un Distretto del Commercio: possibilità di agevolare il processo di concertazione e condivisione delle azioni, anche attraverso azioni di progettazione partecipata, attivazione di progetti in linea con le esigenze del territorio e accesso a contributi.  

Supportiamo dal 2009 la nascita e lo sviluppo di nuovi Distretti del Commercio. Per maggiori informazioni sulle nostre best practice del 2022 puoi cliccare qui. 

Restiamo a disposizione per maggiori informazioni e per una CALL di presentazione senza impegno. 

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Regione Lombardia: Bando Sprint 2024

Regione Lombardia: Bando Sprint 2024

di Martina Tempesta

Regione Lombardia ha pubblicato l’iniziativa “SPRINT! Lombardia insieme”, supportata dal Fondo sociale europeo Plus, per promuovere investimenti sociali a favore delle famiglie con figli tra i 3 e i ...

Leggi
EMILIA ROMAGNA: contributi per la redazione di Studi di Fattibilità per HUB URBANI
Contributi per la transizione energetica a sostegno delle imprese

Trasforma il tuo futuro!

Entra nella community per rimanere sempre aggiornato e realizzare i tuoi progetti innovativi e sostenibili

Iscriviti alla nostra newsletter

Success! Your message has been sent to us.
Error! There was an error sending your message.