blog

Rigenerazione urbana e riuso transitorio

Sabrina Savoca
RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO TRANSITORIO

La rigenerazione urbana si configura come un processo articolato - multistakeholder e multidisciplinare - volto al recupero e alla riqualificazione di edifici e/o spazi urbani, sottoutilizzati o abbandonati, nell’intento di riattivare risorse utili per il territorio e la comunità attraverso un approccio integrato in grado di tenere in considerazione più livelli di sostenibilità: da quella economica a quella ambientale e sociale.

Nel dettaglio l’Italia, sia che si faccia riferimento alle grandi città oppure ai piccoli paesi, risulta caratterizzata dalla presenza diffusa di “vuoti” ed edifici/spazi in attesa di nuove funzioni d’uso che: 1) siano in grado di dare risposta a bisogni concreti e 2) siano sostenibili nel medio-lungo periodo, andando oltre la fase iniziale di recupero e riqualificazione dell’immobile oggetto di intervento.

Spesso però progettualità e risorse vengono indirizzate esclusivamente verso gli interventi di recupero “fisico” lasciando in secondo piano la riflessione relativa all’individuazione di attività e servizi capaci di garantire una sostenibilità economica e sociale nel tempo rischiando così di approdare ad edifici riattivati solo in parte con un enorme dispendio di risorse e un potenziale non del tutto espresso e valorizzato.

Per questo motivo è necessario un profondo ripensamento riguardo l’approccio con cui si affronta la rigenerazione urbana e di porre maggiore attenzione all’individuazione di funzioni d’uso che siano realmente in grado di tenere in vita un bene una volta che viene riattivato e riaperto, anche nell’ottica di orientare al meglio gli investimenti iniziali sia che siano pubblici sia che siano privati.

 

Il riuso transitorio

Una delle metodologie di lavoro che tiene in considerazione questi aspetti è rappresentata dal “riuso transitorio” che si basa su un insieme di azioni sperimentali - condivise tra proprietà, istituzioni e comunità - volte a testare gli usi possibili di un bene per verificarne la fattibilità prima di giungere all’individuazione delle funzioni d’uso definitive.

Questa metodologia di lavoro introduce quindi attività di sperimentazione e azioni-test volte a mettere alla prova il progetto iniziale e ipotesi preliminari per valutare “prima” come orientare al meglio l’investimento finale ed evitare di scoprire solo ex post che le funzioni d’uso proposte non sono compatibili con il bene o non sono sostenibili nel tempo.

Si tratta di un approccio che consente quindi di “testare” prima le attività e, a seconda di quanto emerge dal test, rimodulare il progetto e ridefinire le funzioni d’uso da sviluppare poi nel lungo periodo; il tutto attraverso un “progetto di riuso transitorio” articolato in tre macro-fasi: 1) inquadramento preliminare, 2) la fase di sperimentazione e 3) la fase di monitoraggio.

La fase di inquadramento preliminare del contesto consente un affondo su: edificio (assetto proprietario, vincoli, accessibilità, fruibilità, vocazione, ecc.), territorio (bisogni, opportunità e progettualità in corso e/o in previsione) e attori (enti locali, associazioni, ecc.). Questa fase risulta fondamentale per definire una vision durevole di lungo periodo e impostare al meglio la fase di test d’uso.

Una volta definita la vision si procede quindi con uno specifico piano di sperimentazione che individua obiettivi, strategie, attività, attori, tempistiche e risorse della fase transitoria. Al termine di questa fase - che rappresenta il cuore del progetto di riuso temporaneo e che a seconda dei casi può avere la durata di uno o due anni per testare la fattibilità delle funzioni d’uso individuate - si passa al piano di monitoraggio volto a valutare l’impatto delle azioni testate e ad un’eventuale rimodulazione del progetto in base a quanto emerso durante la fase di test.

Quella del riuso transitorio si presenta quindi come una metodologia di lavoro articolata e che richiede tempo - in Francia è già attiva da diversi anni mentre in Italia si sta affermando di recente - che però ha il vantaggio di effettuare una serie di test e verifiche “prima” di intraprendere grandi investimenti in modo da orientare al meglio l’intero processo di rigenerazione urbana e il recupero e la rifunzionalizzazione di un bene evitando così di scoprire ex post che il progetto definito sia non fattibile e/o sostenibile e quindi evitando il dispendio di risorse e tempo.

 

Come dare vita ad un processo di riuso transitorio?

Come FASTZero possiamo supportare le Amministrazioni Locali nel processo di riuso transitorio di un edificio o uno spazio grazie a un approccio integrato e un team multidisciplinare che da anni mettiamo a disposizione di Comuni e comunità. Siamo quindi a tua disposizione per valutare l’attivazione sul tuo territorio di questa metodologia di lavoro.

Contattaci senza impegno per una CALL di presentazione e approfondimento dei temi trattati in questo articolo.

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Regione Lombardia: Bando Sprint 2024

Regione Lombardia: Bando Sprint 2024

di Martina Tempesta

Regione Lombardia ha pubblicato l’iniziativa “SPRINT! Lombardia insieme”, supportata dal Fondo sociale europeo Plus, per promuovere investimenti sociali a favore delle famiglie con figli tra i 3 e i ...

Leggi
EMILIA ROMAGNA: contributi per la redazione di Studi di Fattibilità per HUB URBANI
Contributi per la transizione energetica a sostegno delle imprese

Trasforma il tuo futuro!

Entra nella community per rimanere sempre aggiornato e realizzare i tuoi progetti innovativi e sostenibili

Iscriviti alla nostra newsletter

Success! Your message has been sent to us.
Error! There was an error sending your message.