blog

PNRR: approvate la quarta rata e la revisione del Piano

Valeria Chiodarelli
PNRR: approvate la quarta rata e la revisione del Piano

È di ieri la notizia dell’approvazione da parte della Commissione Europea della richiesta di pagamento relativa alla quarta rata del PNRR: si tratta di un importo di 16,5 miliardi di euro in forma di sovvenzioni e prestiti, il cui pagamento è previsto entro la fine di quest’anno andando così a registrare un totale di 102 miliardi di euro ricevuti. 

Questo atteso passaggio, si affianca al tema più generale della revisione del PNRR, che ha parimenti ricevuto una valutazione positiva da parte della Commissione.

Le modifiche al PNRR 

La revisione è stata proposta al fine di assicurare il maggiore raggiungimento possibile dei risultati previsti, escludendo alcuni interventi che non sarebbero risultati attuabili nell’arco di tempo previsto, e variando l’allocazione delle risorse, in particolare a favore di temi sempre più attuali, quali la transizione energetica e il digitale, con un incremento della dotazione finanziaria riservata a questi ambiti. 

Una delle innovazioni più significative è l'aumento delle Missioni, che sono passate da 6 a 7, con l'aggiunta del nuovo capitolo REPowerEU. 

Le riforme, altresì, sono cresciute da 59 a 66, con 7 nuove proposte, di cui 5 focalizzate sul capitolo REPowerEU. 

Queste comprendono strategie per la razionalizzazione degli incentivi alle imprese, la semplificazione delle procedure in materia di energie rinnovabili e la riqualificazione delle competenze dei lavoratori per sostenere la transizione nel settore verso l'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili.

Investimenti e Sostegno Economico

Il rinnovato PNRR contempla un aumento complessivo delle risorse, passando da € 191,5 miliardi a € 194,3 miliardi, con fondi aggiuntivi destinati a varie misure e la ridefinizione di alcuni investimenti. In particolare, si prevedono investimenti mirati per le imprese, inclusi supporti finanziari per la transizione verde e digitale, l'autoproduzione di energia da fonti rinnovabili e il potenziamento delle filiere strategiche.

Settori chiave e Sostenibilità

Una parte significativa degli investimenti è orientata verso reti e infrastrutture, con focus sul rafforzamento delle reti elettriche e del gas, interventi per la riduzione delle perdite idriche e l'elettrificazione delle banchine portuali. Inoltre, sono stati stanziati fondi per la difesa e la ripresa di territori colpiti da eventi alluvionali.

Sostegno alle Famiglie e ai Giovani

Il piano include anche iniziative a favore delle famiglie a basso reddito e dei giovani, con finanziamenti per l'efficientamento energetico degli immobili pubblici e la creazione di posti letto per studenti universitari. Si prevedono anche investimenti per supportare le start-up, favorire la transizione digitale e potenziare l'accesso all'università.

Salute, Lavoro e Innovazione

Il settore della salute beneficerà di finanziamenti per l'assistenza domiciliare integrata e la telemedicina, mentre il settore lavorativo vedrà un incremento dei fondi per favorire l'accesso al mercato del lavoro e colmare il gap tra domanda e offerta di competenze professionali.


Il Piano di Ripresa e Resilienza rappresenta un'imponente iniziativa di rilancio economico e sociale per l'Italia, abbracciando una vasta gamma di settori vitali e mirando a sostenere l'innovazione, la sostenibilità e la crescita inclusiva del Paese. Tuttavia, l'efficace implementazione di questi fondi richiederà un'attenta gestione, trasparenza e coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti, inclusi settore pubblico, privato e società civile. È essenziale garantire che i finanziamenti siano utilizzati in modo efficiente ed efficace per massimizzare il loro impatto positivo sulla società e sull'economia.


Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Bando Ruralis: agroecologia e inclusione sociale

Bando Ruralis: agroecologia e inclusione sociale

di Martina Tempesta

Fondazione Cariplo ha pubblicato il bando Ruralis, iniziativa dell’Area Ambiente che si pone come obiettivo l’aumento delle opportunità lavorative nell’ambito agricolo, rispettando i principi ...

Leggi
Orti di Lombardia: contributi per orti urbani e collettivi
Regione Emilia Romagna: bando per percorsi di transizione energetica

Trasforma il tuo futuro!

Entra nella community per rimanere sempre aggiornato e realizzare i tuoi progetti innovativi e sostenibili

Iscriviti alla nostra newsletter

Success! Your message has been sent to us.
Error! There was an error sending your message.