blog

PNRR, borghi e nuove opportunità di sviluppo

Sabrina Savoca
PNRR, BORGHI E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

L’Avviso pubblico “Progetti di rigenerazione culturale e sociale dei piccoli borghi storici - PNRR M1C3 - Investimento 2.1 - Attrattività dei borghi - Linea B” pubblicato dal Ministero della Cultura a metà dicembre rappresenta un’opportunità importante per i piccoli Comuni, soprattutto delle Aree Interne, per provare a dare avvio a nuovi processi di sviluppo anche a partire da un’attenta analisi di alcune di quelle dinamiche emerse con forza durante la pandemia come ad esempio il ricorso sempre più frequente allo smart working.

A partire da marzo 2020, infatti, è progressivamente aumentato il numero aziende e lavoratori che hanno fatto ricorso allo smart working un po' a causa dei prolungati periodi di lockdown un po' perché, nel tentativo di ridurre i contagi, sono stati via via rivalutati luoghi a bassa densità abitativa che, oltre a essere più sicuri, consentono un maggior contatto con la natura e la possibilità di condurre stili di vita più sani ed equilibrati.

Questo fenomeno ha così portato da una parte a un graduale “spopolamento” di grandi città come Milano, Torino, Bologna e Roma (caratterizzate tra l’altro da affitti molto alti e problemi di traffico e di inquinamento) e dall’altra alla riscoperta delle aree rurali, della montagna e del lago come luoghi in cui non solo lavorare ma anche vivere in modo più tranquillo e rilassato innescando, in alcuni casi, formule ibride tra lavoro e vacanza come “smart working holiday”, “holiday working” e “workation”: formule che mettono insieme la sfera della vacanza e quella del lavoro grazie alla delocalizzazione del lavoro d’ufficio e al ricorso al digitale e alle nuove tecnologie.

Tutto questo ha fatto emergere una nuova tipologia di abitanti e cioè i “cittadini temporanei”: studenti universitari, smart worker, nomadi digitali e in generale persone che entrano a far parte di una comunità locale per un periodo superiore alla semplice vacanza portando con sé sia il proprio background e opportunità di crescita per il territorio sia necessità e bisogni specifici a cui dare risposta.

PNRR, borghi e cittadini temporanei

Alla luce dei nuovi fenomeni in corso è quindi importante che i piccoli Comuni italiani colgano l’opportunità offerta dal Bando “Attrattività dei borghi - Linea B” che promuovere “progetti di rigenerazione culturale e sociale dei piccoli borghi storici” attraverso interventi integrati tra loro incentrati non solo sulla rigenerazione, valorizzazione e gestione del patrimonio storico, artistico e culturale ma anche attraverso iniziative e servizi in grado di avviare un processo di rivitalizzazione sociale ed economica, di rilancio dell’occupazionale e di contrasto allo spopolamento.

In questa cornice risulta dunque strategico prevedere tutta una serie di interventi volti a rafforzare servizi e infrastrutture culturali e a favorire l’incremento dell’attrattività residenziale - come la realizzazione di spazi di co-working e di studio; iniziative per favorire una residenzialità temporanea collegata ad università, centri di ricerca, scuole di formazione, ecc.; iniziative per favorire una residenzialità temporanea di artisti - a favore dei cittadini temporanei.

Si tratta di una sfida complessa ma definire già oggi progettualità di rigenerazione culturale e sociale in grado di tenere in considerazione anche le esigenze di nomadi digitali e smart worker vuol dire diventare un territorio più attrattivo e competitivo e dare il via a nuovi asset di sviluppo locale capaci di generare un impatto positivo per tutti: enti locali, comunità, non profit e operatori economici.

Questo bando rappresenta un’occasione molto importante per borghi e per aree interne, non esitare a contattarci per conoscerne meglio tutti i dettagli.

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Bando per infrastrutture rurali in Oltrepo Pavese

Bando per infrastrutture rurali in Oltrepo Pavese

di Federica Sala

I territori rurali, soprattutto se montani, spesso fanno fatica a garantire servizi essenziali alla popolazione, in ambito sociale, culturale e ricreativo. E' in questo contesto che interventgono i ...

Leggi
Bando Architettura rurale - Seconda Finestra

Bando Architettura rurale - Seconda Finestra

di Matteo Bertoni

Il Bando Architettura rurale Seconda Finestra  fa parte della componente M1C3 Turismo e Cultura del PNRR e il suo obiettivo è dare una nuova spinta al processo di conservazione e valorizzazione ...

Leggi
Bando Nuove Energie per la provincia di Cuneo - PAESC

Trasforma il tuo futuro!

Entra nella community per rimanere sempre aggiornato e realizzare i tuoi progetti innovativi e sostenibili

Iscriviti alla nostra newsletter

Success! Your message has been sent to us.
Error! There was an error sending your message.